Chiarella Bruno: passione e tipicità tutte italiane  

Il punto vendita Chiarella Bruno è una piccola bomboniera esposta sul corso principale di Catanzaro Lido. Lo sanno bene le casalinghe che ci vanno a fare la spesa tutti i giorni, lo sanno bene i vacanzieri che lo frequentano d’estate, e lo sanno bene i turisti stranieri che ci entrano incuriositi. Provole, capicollo, soppressate, schiacciate: tutto lì dentro è un’esplosione di profumi e sapori che stuzzicano l’appetito, e anche la vista. Perché in quel piccolo regno delle prelibatezze, diviso tra le confezioni rosse dei salumi e quelle azzurre della pasta, ogni prodotto è posizionato con estrema cura.

 

La famiglia Chiarella era conosciuta da tempo in città, perché possedeva un’azienda agricola con allevamenti di bovini. Nel 1954, il papà di Bruno decise di aprire un negozio per la vendita di latticini e di formaggi prodotti dall’azienda di famiglia. Siccome non c’era ancora la lunga conservazione, raccoglieva anche il latte dalle stalle vicine per distribuirlo agli abitanti della zona. Quando in paese si vedeva sfrecciare una bicicletta, con le bottiglie di latte nella cesta, era certo che fosse uno dei ragazzi di Chiarella in giro a fare consegne. Poi, negli anni Sessanta, l’attività si ampliò con l’introduzione dei salumi. Il piccolo Bruno entrò in negozio ancora prima di incominciare a camminare – la madre lo teneva in carrozzina durante il lavoro – e la passione entrò in lui ancora prima di iniziare il mestiere. Il battesimo dell’affettatrice avvenne molto presto, quando, in bilico su uno sgabello, il piccolo Bruno combatteva con una vecchia Berkel a manovella per ricavare con soddisfazione le sue prime fette di prosciutto.

 

Con il passare degli anni, lo sgabello non servì più. Bruno divenne grande nel negozio di famiglia e, nel 2001, assunse le redini dell’attività. Decise subito di dare una svolta all’impostazione della rivendita, puntando sui prodotti di fascia alta. Così, l’assortimento dei salumi Rovagnati, già presente da molti anni, aumentò notevolmente. Al Gran Biscotto gourmet si unirono il prosciutto di San Daniele, la bresaola Ginestra, lo Speck e la mortadella Massima. Una scelta che con il tempo è risultata vincente, perché una volta apprezzata la qualità dei prodotti, i clienti di Bruno Chiarella non l’hanno più abbandonata.

 

IMG_20150225_194411_Color_01

 

 

Oggi il negozio vanta un ampio assortimento alimentare e, ai tradizionali salumi Rovagnati, Bruno ha affiancato anche la pasta fresca, le Panatine e i Nuggets: una qualità che i clienti continuano ad apprezzare. Nel punto vendita Chiarella non possono certo mancare i prodotti locali, come la schiacciata di Cicala e il riso di Sibari, vere e proprie specialità della zona. In estate, poi, la città si popola di catanzaresi che scendono al Lido, vacanzieri che provengono da ogni parte d’Italia, ma anche tanti stranieri che arrivano con i pullman dai vicini villaggi turistici per visitare la “bomboniera” di Bruno Chiarella.

Di solito, nessuno di loro riesce a tornare a casa senza un appetitoso ricordo dell’Italia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0